21.1.13

E' FARMACO ! NO E' PLACEBO, NO E' MAGIA !

Se intendiamo la Magia come massima espressione della propria Volontà e il Rituale come strumento il cui fine è sottolineare questa Volonta', pare proprio che le moderne ricerche abbiano trovato  un anello di congiunzione fra Farmaci e Miracolo/Magia..
..ma si preferisce chiamarlo EFFETTO PLACEBO.

Circa il 90% dei medicinali da banco e' un placebo, cioe' ha solo effetti psicologici. 
E' quanto afferma Fabrizio Benedetti, dell'Istituto nazionale di neuroscienze, al Festival delle scienze di Roma.
Da anni la medicina sta cercando di capire i meccanismi dell'effetto placebo, ossia del perche' sostanze innocue senza efficacia terapeutica producano effetti benefici.



'Basta crederci - dice -. I medici spesso dispensano placebo per curare raffreddori perche' è il paziente a volere farmaci'.


BASTA CREDERCI ? Rievoca sicuramente qualcosa di interessante.


Ricordate quei guaritori che fingevano operazioni a mani nude su pazienti malati con tanto di sangue finto e trucchi da illusionista ,che poi misteriosamente guarivano?

Ricordate quando Gesu' spiegava ai "miracolati" che non erano stati i suoi " poteri" a compiere il miracolo?
"Non sono stato io a salvarti, è stata la tua FEDE". Ricordate?

Dion Fortune sosteneva che i pensieri influenzano, influenzano noi stessi e se "trovano terreno fertile" attraggono , Per Simpatia, le stesse forze dalla Grande Fonte.

Crowley, Regardie, e molti altri hanno parlato della Volonta' come fosse una Grande Leva!.
Gli attrezzi del mago sono solo un rafforzamento di tale volontà.
“Tutti i riti, gli interminabili dettagli cerimoniali, le circumambulazioni, gli incantesimi, e le suffumicazioni vengono attuate deliberatamente per esaltare l’immaginazione e rafforzare la forza di volontà”.
Non parleremo in questo articolo di come questo venga applicato alla moderna psicologia , ma di come ogni giorno  le persone, anche inconsapevolmente , attingono da questo "potere".
Torniamo ai Farmaci.
Si è scoperto che la maggior parte dei farmaci da banco sono PLACEBO.
Questo vuol dire che non hanno proprieta' curative analizzabili biologicamente e chimicamente, ma che funzionano solo perchè il paziente è CONVINTO che funzionano.
La sua FEDE mette in moto gli stessi processi chiamici e biologici che ci aspettiamo dall'assunzione dei Farmaci.
In questo caso, Il Mago non è padrone della propria Volonta'.
Il Mago e il suo rituale qui sono  LE CASE FARMACEUTICHE.  
E il paziente è ridotto solo alla figura dello sfortunato di turno che va dallo stregone e cerca la pozione magica.
La Suggestione quindi .. pare fare il resto.
POZIONE COSTOSA E RARA  = POZIONE PIU' POTENTE
Più è costoso il Farmaco più l'effetto è assicurato.PUR RIMANENDO UN PLACEBO.
In effetti ... schiavi proprio dei tipici Archetipi Installati nella nostra mente.. siamo disposti a credere che più un farmaco è costoso più sia potente.
SIAMO NOI STESSI A DARE AL FARMACO/TALISMANO/POZIONE/RITO quella energia.
Perchè noi crediamo che l'abbia a prescindere da noi e non facciamo alcuno sforzo per crederlo, ne sentiamo gia' il potere!
La ricerca della Duke ha evidenziato come questo effetto è tanto più forte quanto è maggiore il costo del “farmaco”: su un campione di 82 pazienti, cui è stato svolto il test in ambiente controllato, ben l’85% delle persone cui è stato sottoposto il placebo “costoso” hanno riportato diminuzioni del dolore, mentre solo il 61% di quelli che hanno provato il placebo “economico” hanno riscontrato benefici.

IL CERVELLO PRENDE ORDINI
Ma chi dà ordini al cervello?

I placebo sembrano particolarmente efficaci come antidolorifici, perché la sola consapevolezza (o illusione) dell0assunzione di un farmaco stimola la produzione di antidolorifici naturali da parte  del corpo.

L’ effetto placebo esiste, e vale non solo per la lotta al dolore, ma anche per combattere le malattie infiammatorie. Uno studio lungo due anni compiuto dal dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino, e pubblicato oggi su «Nature Medicine», dimostra che sia gli antidolorifici sia gli anti-infiammatori creano nel nostro cervello un’impronta.

E’ quell’impronta è in grado di attivare gli stessi effetti della cura solo al pensiero di aver preso il farmaco. Anche quando il farmaco, in realtà, è una sostanza inerte, cioè nulla.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Codice della Guarigione di Alexander Loyd e Ben Johnson
Anche se c'è da chiedersi a questo punto perchè assumere comunque le sostanze chimiche presenti per "riempire una pillola" e perchè quindi intossicarsi e spendere soldi solo per dare energia alla nostra SUGGESTIONE.

Se solo potessimo Auto suggestionarci positivamente scoprendo il nostro vero potenziale nacosto ...
Questo blog ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica in quanto il blog sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcuni articoli, video e immagini qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Redatto secondo l'articolo 21 della costituzione italiana - articolo 19 Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo - articolo 10 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Si precisa che articoli, comunicazioni... e quant'altro vengono pubblicati non in base ad una adesione ideologica o morale.
Questo Blog è ad uso amatoriale e privato.
Questo Blog usa Banner eadv e Adsense.
DISCLAMER E PRIVACY
NOTE SUL COPYRIGHT: Il materiale pubblicato su lagrandeopera.blogspot.com può essere copiato solo se con link attivo (cliccabile ), e sia liberamente e gratuitamente accessibile.