24.2.13

HO LASCIATO LA MASSONERIA


Un Massone si svela e ci scrive perché e come ha deciso di lasciare la massoneria.
Qui di seguito pubblichiamo la lettera che inviò ai suoi capi per comunicare loro che se ne sarebbe andato.
 
 
 
Venerabili Fratelli

Non voglio affrontare o dilungarmi su faccende personali che mi hanno infastidito ma che non sono all’origine della mia decisione, e per cui non ho risentimento alcuno nei vostri confronti, anche se ogni dinamica è stata già espressa al Potentissimo Sovrano Gran Commendatore e Gran Maestro 33°.



Cinque anni fa ero in procinto di andarmene, in silenzio, non avendo io le motivazioni per continuare la vita massonica  ma, viste le vostre esortazioni di un chiarimento, mi accingo a una breve disamina generale:
In tutti questi 23 anni e mezzo nella massoneria e nel rito scozzese non ho visto novità alcune, e frutti non ne ho raccolti. Vorrei ribadire che le motivazioni che hanno determinato questa mia scelta, non sono risentimenti contro l’operato di qualcuno che, per’altro, se abbia fatto mancanze, dovrà risponderne alla sua coscienza.

Le motivazioni riguardano l’Obbedienza tutta, le modalità odierne in  Massoneria, ed esprimo qui le mie idee senza nessuna convinzione che tali motivazioni, che mi hanno portato a questa irrevocabile decisione, siano da voi condivise.

In tutti questi anni ho vissuto, con paziente obbedienza e abnegazione, superiore per’altro a quelle che normalmente, profanamente, umanamente siano consone a un professionista del mio status sociale, questa associazione di uomini chiamata massoneria, in cui esiste ad oggi un gran operare e parlare di passioni tutt’altro che propizie all’instaurazione di una tanto decantata fratellanza universale.
Passioni politiche, economiche, sessuali (in netta minoranza).

Ho avuto cariche di un certo spessore, ho partecipato ad adunanze, tornate, in Italia e all’estero, ho versato migliaia di euro tra capitazioni e libere donazioni ed oggi, da 30° grado, rifiuto ogni ulteriore avanzamento di grado e di responsabilità. E’ vero, cari fratelli, io non ci credo più. Credo che la massoneria come istituzione non possa essere riformata, perché ha preso oramai una piega mediocre e insana. Avrei voluto trovare l’eccellenza, ma ho trovato superficialità, arrivismo e “grembiulite acuta”. Avrei voluto  trovare esoterismo e scienza ermetica, e invece trovai cripticismo e dogmatismo gerarchico indegni della più piccola setta evangelica. Avrei voluto trovare una comunità, e invece mi sono ritrovato in un’altra piramide, non già composta da illuminati ma, non ve ne volgiate, da parrucchieri e bidelli che per aver letto una decina di libri di storia della massoneria si atteggiano a maestri. Avrei voluto dare tanto, ma mi sono stati chiesti soltanto denari, e qualche temino scolastico.

Che il sistema abbia perduto la purezza originaria e si sia corrotto gravemente non lo asserisco soltanto io, ma anche chiunque dice che è necessario che si rispettino gli Statuti, e questo vuol dire che nel tempo sono stati spesso violati, e che si rispetti il dovere di tegolare opportunamente, e vuol dire che i lupi hanno fatto razzia. Le tegola ture, che dovrebbero scegliere nel mondo profano chi è degno di appartenere alla rete degli eletti, sono false e non tengono conto d’altro se non delle amicizie politiche e familiari, con l’ansia di percepire un’altra capitazione in denaro per la loggia e per l’Ordine.

Il mio giudizio non si abbatte sugli Iniziati della massoneria, se ve ne sono, o su quelli di altre organizzazioni iniziatiche,  ma sul sistema burocratico e associazionistico massonico.
Altro problema è quello delle singole filiali, delle logge. Alla sovranità di ogni singola Loggia si è sostituito il concetto, mutuato dal sistema del vaticano nei confronti del libero ed autonomo  monachesimo, di “Obbedienza”; ed i Massoni, che universalmente si erano riconosciuti per segni parole e toccamenti, impararono a riconoscersi solo se fossero iscritti nel registro degli affiliati ad una Obbedienza “riconosciuta” e fin quando fossero in regola con le capitazioni come membri attivi e quotizzanti.

Bisognerebbe iniziare a rendere intanto gratuito l’accesso, e simbolica la capitazione, evitando di affittare templi più o meno lussuosi. Bisogna anche evitare, oggi come oggi, riti e ordinamenti che allontanano i giovani. Si assiste talora allo scempio di una vera e propria opera di reclutamento di individui che ritengono di sottoporsi ad un rituale “obsoleto” e ad incontri vestiti con grembiulini e guanti pur di inserirsi nella “famigerata massoneria“.

Le Logge indipendenti di cui auspico l’avvento non hanno la “sete di visibilità” che riscontri ovunque nel web, non aspirano a certificati di garanzia rilasciati da autorità massoniche estere

Si dovrebbe auspicare a Logge che lavorino veramente Alla Gloria del Grande Architetto dell’Universo, senza alcuna spesa, o appannaggio. Oggi voi sapete che i vertici della massoneria percepiscono appannaggi di 200.000 e passa euro come rimborsi spesa, e che le Luci della loggia, una volta divenute tali, tendono a riprendersi i soldi versati negli anni precedenti di massoneria, attingendo a tutti quelli che, sino a quel momento, sono entrati per breve tempo, poi hanno lasciato il lavoro massonico e le capitazioni nel tesoro di loggia, che in genere ammonta a un minimo di 10.000 euro. Tutti questi soldi non potrebbero essere, se raccolti, spesi TUTTI per opere di bene?

Ci lamentiamo spesso della Chiesa e dell’8X1000, ma noi non facciamo forse lo stesso, donando l’1 per cento di quello che entra in beneficenza, e tenendo il resto per le “spese di culto”?
Almeno nella chiesa parrocchiale si entra gratis.
bello , giusto e perfetto furono amanti della Massoneria fino all’estremo Passaggio.

No fratelli miei, non è più tutto “giusto e perfetto” in questa Massoneria dal mercimonio e delle vanità.

Vogliano tutti quelli che oggi sono interessati ad entrare in massoneria desistere, desistere, desistere.
Ci sono altre associazioni, altri circoli, altri modi.

Ho detto.



fonte
Articolo del Blog:  http://criminiecospirazioni.wordpress.com
Questo blog ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica in quanto il blog sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcuni articoli, video e immagini qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Redatto secondo l'articolo 21 della costituzione italiana - articolo 19 Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo - articolo 10 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Si precisa che articoli, comunicazioni... e quant'altro vengono pubblicati non in base ad una adesione ideologica o morale.
Questo Blog è ad uso amatoriale e privato.
Questo Blog usa Banner eadv e Adsense.
DISCLAMER E PRIVACY
NOTE SUL COPYRIGHT: Il materiale pubblicato su lagrandeopera.blogspot.com può essere copiato solo se con link attivo (cliccabile ), e sia liberamente e gratuitamente accessibile.