18.2.13

RATZINGER RIMARRA' PROTETTO ALL'INTERNO DELLE MURA DEL VATICANO

La decisione di Papa Benedetto XVI di vivere in Vaticano dopo la sua abdicazione gli fornirà sicurezza e privacy. Offrirà inoltre protezione legale da qualsiasi tentativo di perseguirlo in relazione ai casi di abuso sessuale nel mondo, dicono fonti della Chiesa e gli esperti legali.



"La Sua continua presenza in Vaticano è necessario, altrimenti egli potrebbe essere indifeso.Egli non avrebbe la sua immunità, le sue prerogative e la sicurezza, se lui fosse in qualsiasi altro posto"
ha detto un funzionario Vaticano, parlando a condizione di anonimato.



"È assolutamente necessario" che egli rimane in Vaticano, ha detto la fonte, aggiungendo che Benedetto dovrebbe avere un "esistenza dignitosa" nei suoi anni restanti.
Le fonti vaticano parlano di almeno tre considerazioni principali nel decidere che Benedetto debba vivere in un convento in Vaticano dopo le dimissioni il 28 febbraio.

La Polizia Vaticana, che già conosce il Papa e le sue abitudini, sarà in grado di garantire la sua privacy e la sicurezza e non è necessario affidarlo ad una forza di polizia straniera, che sarebbe necessaria se si trasferisce in un altro paese.

«Vedo un grosso problema se egli andasse altrove. Sto pensando in termini della sua sicurezza personale, la sua sicurezza. Non abbiamo un servizio segreto che può dedicare ingenti risorse (come fanno) a ex presidenti," - ha detto il funzionario.


Un'altra considerazione era che se il Papa si sposta permanentemente in un altro paese,per vivere in clausura in un monastero nella sua nativa Germania, ad esempio, la posizione potrebbe diventare un luogo di pellegrinaggio.

Questo potrebbe essere complicato per la Chiesa, specialmente nell'improbabile evento che il prossimo Papa prenda decisioni che possono dispiacere i conservatori, i quali potrebbero quindi recarsi da Benedetto XVI ,presso la sua residenza, per rendere omaggio.

"Questo sarebbe stato problematico " - dice un'altro funzionario della Chiesa.



LA POTENZIALE PERICOLOSA ESPOSIZIONE VERSO L'ESTERNO





 La considerazione chiave finale è che il Papa  è l'esposizione potenziale del Papa a rivendicazioni legali negli scandali di abusi sessuali della Chiesa cattolica.


Nel 2010, ad esempio, Benedetto XVI è stato nominato come imputato in una causa relativa al fatto che non prese azioni come Cardinale nel 1995 quando gli fu detto presumibilmente che un prete aveva abusato di ragazzi in una scuola degli Stati Uniti per i decenni precedenti.
Gli avvocati ritirarono il caso l'anno scorso e il Vaticano ha detto che era una vittoria importante che ha dimostrato che il Papa non può essere ritenuto responsabile per le azioni dei sacerdoti abusivi.



Ratzinger non è attualmente denominato specificamente in ogni altro caso. Il Vaticano non si aspetta altri casi, ma non esclude la possibilità.

[ TORNA IN MENTE quando circa 1 Anno fà due associazioni statunitensi che da tempo contestano la Chiesa per gli scandali dei preti pedofili e degli abusi sessuali su minorenni. Hanno consegnato una denuncia corredata da 20 mila pagine di documenti al Tribunale penale internazionale dell'Aja.
VIDEO DI EURONEWS QUI (ndr) ]
 
"Se vivesse in qualsiasi altro luogo,allora potremmo avere quei pazzi che sono la presentazione di azioni legali, o qualche magistrato potrebbe arrestarlo come altri capi di stato (ex) sono stati arreatati per presunti atti mentre era capo di stato,"  una fonte ha detto.

Dopo le dimissioni, Ratzinger non sarà più il monarca sovrano di stato della città del Vaticano, che è circondato da Roma,  ma manterrà la residenza e cittadinanza Vaticana.


Tutto questo grazie ai Patti Lateranensi. che continuerebbero a fornire a lui l'immunità ai sensi delle disposizioni dei Patti Lateranensi, mentre lui è in Vaticano e anche se egli fa gite in Italia come un Vaticano cittadino.




LA VICENDA INGLESE DEL 2010


Quando Ratzinger è andato in Gran Bretagna nel 2010, attivista britannico autore e ateo Richard Dawkins ha chiesto alle autorità di arrestare il Papa al fine di porre delle domande circa lo scandalo di abusi di bambini della Chiesa.

Dawkins e il giornalista britannico-americano Christopher Hitchens hanno commissionato avvocati per esplorare i modi di intraprendere azioni legali contro il Papa.
 I loro sforzi hanno portato a nulla  perché il Papa era un capo di stato e così ha goduto l'immunità diplomatica.


fonte originale:
http://www.reuters.com/article/2013/02/15/us-pope-resignation-immunity-idUSBRE91E0ZI20130215



VATICAN CITY | Fri Feb 15, 2013 1:59pm EST
ARTICOLI A TEMA:

Questo blog ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica in quanto il blog sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcuni articoli, video e immagini qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Redatto secondo l'articolo 21 della costituzione italiana - articolo 19 Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo - articolo 10 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Si precisa che articoli, comunicazioni... e quant'altro vengono pubblicati non in base ad una adesione ideologica o morale.
Questo Blog è ad uso amatoriale e privato.
Questo Blog usa Banner eadv e Adsense.
DISCLAMER E PRIVACY
NOTE SUL COPYRIGHT: Il materiale pubblicato su lagrandeopera.blogspot.com può essere copiato solo se con link attivo (cliccabile ), e sia liberamente e gratuitamente accessibile.