4.8.13

I MARCHI ITALIANI SONO ANCORA ITALIANI ? Italia in svendita

Resta il marchio italiano ma la proprietà non è più italiana, Oppure vengono comprate grosse fette di azioni o la maggior parte di esse in modo da avere poltrone che contano nei cda, e i grandi marchi del Made in Italy agroalimentare e non solo vengono ceduti all'estero. Una tendenza che è iniziata negli anni '80 e che ha avuto un'escalation tra il 2011 e l'inizio del 2012.


La Coldiretti lancia l'allarme: nell'ultimo anno sono passati in mani straniere marchi storici dell'agroalimentare e tessile italiano per un fatturato di oltre 10 miliardi di euro.



Uno dei segnali più eclatanti della crisi che stiamo vivendo.Ma la svendita è cominciata dai primi anni 80 anche se lentamente per poi avere il suo massimo dagli anni '90 in poi. E qualcuno direbbe che non è un caso.

La prospettiva delle privatizzazioni in Italia fu discussa a bordo dello Yacht reale Britannia, il 2 giugno
1992.
L'incontro, avvenuto in acque italiane, divenne famoso, tra l'altro, per quella che sarebbe stata secondo alcuni la pianificazione della svendita dell'industria italiana.

Alla riunione parteciparono, oltre ad alcuni banchieri inglesi, anche un gruppo di manager ed economisti italiani: Herman van der Wyck, Presidente Banca Warburg, L. P., Presidente INA Assitalia, Jeremy S., Direttore Esecutivo Barclays de Zoete Wedd, I.C., Direttore Generale di Confindustria, G.B., Presidente Banco Antonveneto, G.C., Presidente ENI, L.S.
Fece anche un breve saluto scendendo prima che la nave salpasse il Direttore Generale del Ministro del Tesoro Mario Draghi.

Nel 1993 avviene la privatizzazione del gruppo SME, azienda pubblica controllata dall'IRI con una quota del 64%. Nel luglio 1993, con la prima tranche della privatizzazione, relativa al settore surgelati e a quello dolciario del gruppo SME, il gruppo svizzero Nestlé acquisisce i marchi Motta, Alemagna, La Cremeria, Antica Gelateria del Corso, Maxicono, Surgela, Marefresco, La Valle degli Orti, Voglia di pizza, Oggi in Tavola.
“L’avvio effettivo del processo di privatizzazione in Italia è avvenuto nel 1992. La maggior parte delle vendite realizzate da quell’anno sono state effettuate dal Tesoro (come nei casi di Telecom, INA, IMI, e, da ultimo, ENEL), mentre una quota minore è stata effettuata dal gruppo IRI (come nei casi di Banca commerciale, Credito Italiano, ILVA, Nuovo Pignone, e infine Società Autostrade) e dall’ENI (Enichem e Agip Petroli)... Complessivamente, la cessione di mercato di quote di aziende pubbliche è ammontata tra il 1992 e il 1999 a circa 185.000 miliardi di lire, pari al 12,3% del PIL dell’anno iniziale. Ne consegue che, mediamente, tra il 1992 e il 1999, la vendita di partecipazioni pubbliche ha comportato incassi pari a 1,5 punto di PIL del 1992”  Libro Bianco sulle operazioni......, op. cit., pag.92.

Alcune delle più note acquisizioni ( totali o parziali) dei marchi italiani
da parte delle multinazionali straniere.

LVMH
(Francese)


Loro Piana - simbolo illustre dell'industria tessile italiana  -   Cessione all' 80% Francese Lvmh di Bernard Arnault, Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
Gia' in prima linea su aspre critiche di evasione
Confetteria Cova - grossa fetta della quota alla  francese Lvmh
BULGARI  in portafoglio al 50% circa alla francese Lvmh
FENDI
Emilio Pucc
Acqua di Parm
Palazzo della Civiltà Italiana all’EUR, - in affitto ai francesi per 15 anni
ROSSIMO
BERLUTI
LOUIS VUITTON

Altre acquisizioni francesi

Eridania Italia Spa          francese Cristalalco Sas 

GUCCI                           francese Ppr di Francois-Henry Pinault
BOTTEGA VENETA    francese Ppr di Francois-Henry Pinault
SERGIO ROSSI            francese Ppr di Francois-Henry Pinault

                                                       LACTALIS
                                                                        (Francese)


PARMALAT
GALBANI
LOCATELLI
INVERNIZZI

SERGIO TACCHINI     attualmente si chiama Sergio Tacchini International ed è di proprietà di Billy Ngok. - CINESE

ORZO BIMBO   FRANCESE Nutriotion&santè del gruppo NOVARTIS.

VALENTINO  Emiri del qatar
MISSIONI  - Emiri del qatar (uso della licenza)

STAR                                spagnoli Agrolimen
CARAPELLI                     spagnola  Deoleo S.A. (ex Sos Corporaciòn Alimentaria S
BERTOLLI                        spagnola  Deoleo S.A. (ex Sos Corporaciòn Alimentaria S.A.)
SASSO                               spagnola  Deoleo S.A. (ex Sos Corporaciòn Alimentaria S
25% SCOTTI  -                 Ebro Food Spagnola
FIORUCCI SALUMI  -   Camprofrio Food Group - Spagnola


UNILEVER:
(Inghiterra - Olanda)

ALGIDA     
SANTA ROSA
RISO FLORA
COCCOLINO           
LISO FORM            

DOVE
CIF
BADEDAS
KNORR
LIPTON
MAGNUM

SVELTO
CART D'OR

La SAFILO (Società azionaria fabbrica italiana lavorazione occhiali), fondata nel 1878, che oggi produce occhiali per Armani, Valentino, Yves Saint Laurent, Hugo Boss, Dior e Marc Jacobs, è diventata di proprietà del gruppo olandese Hal Holding.

AR Industrie Alimentari SpA (Aria), leader italiana nella produzione di pelati   -   la Princes Limited (Princes), una controllata dalla Giapponese Mitsubishi

Nel 2010 il 27 per cento del gruppo lattiero caseario Ferrari Giovanni Industria Casearia fondata nel 1823 che vende tra l’altro Parmigiano Reggiano e Grana Padano e’ stato acquisito dalla francese Bongrain Europe Sas e la Boschetti Alimentare Spa, che produce confetture dal 1981, e’ diventata di proprieta’ della francese Financiere Lubersac al 95%


PERNIGOTTI -- turco Toksoz

NESTLE'
(Svizzera)

proprietà della multinazionale  "anonima" svizzera Nestlé.

PERUGINA
BUITONI
SAN PELLEGRINO
PANETTONE MOTTA
ANTICAGELATERIA DEL CORSO

LA VALLE DEGLI ORTI
NESQUIK
BACI PERUGINA

FORMAGGINO MIO
PERONI:  sudafricani di SABMiller

GANCIA: l’oligarca Rustam Tariko, proprietario della banca e della vokda Russki Standard


Fonti e Bibliografia:
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=3847#nb2
http://it.wikipedia.org/wiki/Privatizzazione#Le_privatizzazioni_industriali_in_Italia
http://www.disinformazione.it/svendita_italia2.htm
http://lagrandeopera.blogspot.com
www.ilSole24ore.it
nestlè.it
unilever.it


Questo blog ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica in quanto il blog sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcuni articoli, video e immagini qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Redatto secondo l'articolo 21 della costituzione italiana - articolo 19 Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo - articolo 10 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Si precisa che articoli, comunicazioni... e quant'altro vengono pubblicati non in base ad una adesione ideologica o morale.
Questo Blog è ad uso amatoriale e privato.
Questo Blog usa Banner eadv e Adsense.
DISCLAMER E PRIVACY
NOTE SUL COPYRIGHT: Il materiale pubblicato su lagrandeopera.blogspot.com può essere copiato solo se con link attivo (cliccabile ), e sia liberamente e gratuitamente accessibile.